Racconti Pandemici VI

AL CAFFE’ MOLINARI di Elisabetta Ronchetti

Come saranno di questi tempi le chiacchiere tra amiche? Lo scoprirete con il divertente racconto della socia Elisabetta Ronchetti.

– … eh ragazze mie, i nostri figli non dobbiamo mandarli a scuola, fino a che non hanno santificato tutto!

– Silvia, ma se il Presidente dice che le scuole adesso possono restare aperte …

– Sì, aperte per lui! Che ci mandi i suoi figli! Mio figlio, Agnese, fino a quando non hanno purificato tutto, lo tengo a casa! Che vengano pure ad arrestarmi! Gli soffio in faccia!

 – Cameriere, un ristretto. Voi ragazze, volete qualcosa? Tu Agnese? E tu Francesca?

– Guardate che a scuola hanno trovato un operatore affettato: finché c’è gente affettata nella       scuola, la devono tenere chiusa! La aprono? Mio figlio non ce lo mando! 

– Scusa Francy, ma hai sentito cosa deve fare chi ha i bambini affettati? Tenerli in gestazione

– Agnese, ma che ne so… Gesù, Maria, salvate l’anima mia …

– San Geminiano, vorrai dire, siamo a Modena!

– Silvia, io prendo un orzo in tazza grande.

– Cameriere, può passare?

 Questo è un castigo, un castigo di Dio, vi dico!

– Sì, Silvia, anche secondo me! Perché se il Signore avesse mandato le cavallette, a quest’ora ormai le avremmo già eliminate tutte, e invece il covid non si sa ancora come ammazzarlo … è una brutta bestia!

– Anche secondo me, Francy. Il covid l’hanno creato apposta per farci morire tutti: l’Inps non c’ha più i soldi per le pensioni e vuole far morire tutti i pensionati! 

– Ma scusa, Agnese, e allora in India, in Africa…  c’è l’Inps anche là? No, ve lo dico io cos’è: sono i cinesi che vogliono conquistare il mondo! Mi porta un caffè corretto, per piacere?

– E come, Silvia?

– Prima creano la malattia, poi vedrete, hanno già pronto il vaccino ma non lo dicono fino a quando tutto il mondo non è in ginocchio. Poi improvvisamente, vedrete, saranno i primi a trovarlo e lo venderanno al prezzo che vogliono e tutti dipenderemo da loro! Ci scommetto se non è così!

– Io ho uno zio ricco…

– Che fortuna, Silvia, tu hai tutte le fortune. Io dei risparmi li ho… spero di starci dentro.

– Io, Silvia, vorrei dell’acqua sgasata: gliela puoi chiedere?

– Ma cosa dici, Agnese? E allora tutti gli altri scienziati? Anche loro possono trovare il vaccino, da un momento all’altro, magari fanno prima gli americani dei cinesi…

– Io ho sentito (da una persona che viaggia il mondo e che l’ha saputo in giro), che il vaccino c’è già, ma lo vendono solo ai ricchi, perché è costoso: agli altri dicono che non c’è e così li fanno morire. Vogliono rasare il pianeta, che abbia meno umani.

– Non è che quel tuo zio ricco, Silvia, fa qualcosa anche per noi?

– Vedrò cosa posso fare: contate pure su di me, lo sapete ragazze. Ma per me il motivo è un altro: avete visto l’Expo, quella fiera a Milano? Era dedicata a ‘Nutrire il pianeta’: perché tra un po’ non ci sarà più da mangiare, allora devono sfoltire della gente. Oh, però, questo caffè è buono anche senza zucchero!

– Francy, hai visto che adesso hanno trovato l’acqua sulla Luna? Tra un po’ di anni andremo là, in colonia. 

– Io in colonia ci andavo da piccola, a Cesenatico…

– Che fortuna, Silvia.

– Eh, Francy, il mondo cambia, si evolve: si manderanno i bambini in colonia sulla Luna.

– Io ci andrò ad abitare, sulla Luna, non resto qui di certo. Almeno là non ci sono i cinesi.

– Ma Agnese, secondo te non arrivano fin là? Certo che sì!

– Io, invece di andare sulla Luna, resto, che dopo qui c’è meno gente e si sta meglio. Voi andate pure.

– Ah, a proposito, chi viene con me a fare un giro sulla Ghirlandina?

– Vengo io, Francy…

– Francy, Agnese, ma non si può andare da nessuna parte! È tutto chiuso adesso!

– Io, ragazze, preferirei un giro su Marte…

– Marte è peggio. La Luna è più vicina: se vuoi tornare indietro a fare una visita ai parenti, puoi, da Marte no.

– Io invece vi dico che ho un amico cinese: è simpatico. Anche lui gira con la museruola e ha paura del covid, sembra quasi come noi.

– Eh, Francy, gli conviene, dove vai ti devi adattare: anche se sa la verità su questa affettazione, fa come se non la sapesse, per non dare nell’occhio.

– Francy, avvicinati che te lo dico piano: ma secondo te, i cinesi che sono qui, lo sanno come si combatte il covid? Che forse quelli che hanno in Cina glielo hanno detto? Adesso con il cellulare si sa tutto!

– Mah, Agnese, alcuni lo sapranno di sicuro, ma non lo dicono, altri hanno la censura nel cellulare e non gli arrivano le notizie dalla Cina: dipende.

– E pensare che volevo andare in Cina a vederla, per turismo: che cretina! Meno male che non ci sono andata!

– E perché, Silvia?

– Beh, adesso le frontiere sono chiuse, ma mi riferisco ad anni fa. Ho sempre immaginato di fare un giro in Cina … ma vedere adesso come si è comportato il governo cinese con gli abitanti, sono contenta di non esserci andata … hanno fatto vedere certe cose in TV…

– Beh, Agnese, se è per questo anche in Italia, in Francia, dappertutto: il turista vede solo le cose belle di un Paese, ma ovunque ci sono anche le cose brutte. 

– Sì ma noi non gli abbiamo distrutto il mercato, ai cinesi, sono loro che lo hanno distrutto a noi!

– Cosa c’entra?

– C’entra, Agnese: distruggono il mercato agli italiani poi li prendono in Cina come turisti, così guadagnano due volte!

– Ecco, appunto, avevo ragione io: non andrò mai più in Cina a fare la turista.

– No, Silvia, infatti, non andarci: poi cosa ti danno da mangiare? Pipistrelli, cani, gatti…

– Il covid viene da un pipistrello!

– Beh, ormai che importa: è in tutto il mondo e gira, gira ancora…

– Gesù, Giuseppe e Maria…

– …salvate l’anima mia.

– No! San Geminiano, vi ho detto!

– Cameriere! Quanto pago? Faccia un conto unico: un caffè corretto, un ristretto, un orzo in tazza grande, dell’acqua sgasata.

– Grazie Silvia che hai offerto te, la prossima pago io e ci troviamo in un’osteria del centro, per gli assaggini di mortadella e ciccioli e un bicchiere di lambrusco. Ragazze, adesso vi saluto. Mi metto la museruola e vado, che due chiacchiere, vicine vicine, le ho fatte volentieri.

– Ciao Silvia, ciao Agnese, vado anche io. Stasera racconto a mio marito tutte queste news: che è meglio stare aggiornati e preparati.

Modena, 8 novembre 2020

2020@copyrightElisabettaRonchetti

Precedente

Racconti Pandemici V

Successivo

Racconti Pandemici VII

  1. Martino

    Meglio sdrammatizzare. Davvero utile.

  2. Daniela

    Davvero divertente!

  3. Elisabetta

    Grazie Martino!

  4. Daniele

    Meglio sorridere, anche quando non ce n’è motivo.
    brava Elisabetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén